Archive for January 3rd 2012

Le sensazioni al termine del match sono contrastanti. La peggior partita dell’anno arriva nella domenica in cui, grazie alla vittoria dei Chargers, ritroviamo quell’accesso ai playoff che mancava dal 2005.

Grande soddisfazione quindi, per un risultato che a inizio anno sembrava irraggiungibile, la vittoria nella AFC West e l’accesso al primo turno dei playoff. Davvero un ottimo risultato.

Ma grande delusione e anche preoccupazione, per una squadra che si è fermata proprio quando sembrava aver trovato la sua dimensione. Le ultime tre partite sono state tre sconfitte che non lasciano nulla di positivo. Due debacle totali contro i Patriots e i Bills, e una partita offensivamente ridicola contro i Chiefs.

Se aggiungiamo che domenica si doveva vincere e quindi dare tutto per accedere ai playoff, lo spettacolo visto è sicuramente deprimente. Contro una squadra che non aveva più nulla da chiedere al campionato, se non la rivincita personale di Kyle Orton contro la squadra che l’ha tagliato preferendogli Tim Tebow. L’attacco ha messo insieme solo tre punti, 60 yards di passaggi (6 su 22 con 1 int) e nessun TD. L’incapacità di mettere insieme dei drive decenti, contro una difesa precisa che non ha lasciato spazio ai ricevitori, ha rimesso in luce tutti i limiti di questi Broncos.

Poco da dire sul match, attacco davvero anonimo, solo Willis McGahee si difende bene con 145 yards su 28 corse, ma oltre a questo davvero poco. La difesa ha tenuto discretamente dando tutte le possibilità all’attacco di vincere la partita, fino all’ultimo, ma non c’è stato verso di mettere insieme qualcosa di buono.

Non è arrivato nemmeno il “solito” miracolo nel Tebow Time, quando con il risultato ancora in gioco e la partita dei Chargers ancora aperta, bastava un solo TD per garantire i playoff ai Broncos. Invece le chiamata offensive del coaching staff, tornate monotone e prevedibili, e i problemi nel trovare la soluzione giusta da parte di Tim Tebow, hanno chiuso la partita. Sconfitta per 3-7 in casa, e sguardo al tabellone per vedere se i Raiders commettevano gli stessi errori, facendosi battere da una squadra già in off-season.

Da notare inoltre il brutto infortunio alla guardia Chris Kuper, per lui la rottura della caviglia in uno dei primi giochi del match. Grave perdita perchè oltre a essere un ottimo bloccatore è anche il leader della linea d’attacco e un capitano della squadra.

E così è stato fortunatamente. I Chargers hanno battuto i Raiders, consegnando per un gioco di risultati incrociati la vittoria della division ai Broncos (miglior record contro gli avversari comuni), che hanno chiuso la AFC West con un record di 8-8 come Raiders e proprio i Chargers.

La division probabilmente più debole e strana di tutta la NFL si chiude dunque con la vittoria dei Broncos, quindi guardando il lato positivo c’è da essere soddisfatti.

Si torna ai playoff dunque, ci attende la sfida di wild card contro i Pittsburgh Steelers, una delle difese più forti di tutta la NFL, ma con qualche problema di infortuni che potrebbe condizionarli (Rashard Mendenhall fuori per un problema al ginocchio).

Sulla carte, visto il momento in cui arriva il match e guardando i precedenti, non c’è partita. I Broncos partono nettamente sfavoriti e sembrano vicini al chiudere la loro stagione. Ma si diceva la stessa cosa di Seattle l’anno scorso, e invece nei playoff sono riusciti a tirare fuori il meglio e vincere il turno di wild card.

Tutto può succedere e crederci non costa nulla. Di certo bisognerà che l’attacco migliori, che Tim Tebow lanci bene fin da subito per aprire il gioco d’attacco e sfruttare meglio anche i suoi giochi di corsa, altrimenti troppo prevedibili per le difese avversarie. Insomma l’attacco va rivisto.

La difesa lascia ben sperare, domenica è stata la nota più positiva del match, anche se a dire il vero la pressione sul qb spesso è stata troppo morbida. Contro gli Steelers Miller e Dumervil devono essere decisivi mettendo costantemente in crisi l’attacco avversario.

Share