Archive for the ‘Quick Hits’ Category

Secondo match di preseason e prima sconfitta. Brutta sconfitta, non tanto per il punteggio 40-10 che poco importa in questo periodo dell’anno, ma per le note negative che sono uscite analizzando il match.

Prima di tutto gli infortuni, da tenere lontano come la peste, sono invece arrivati in massa. Il più grave a Champ Bailey, distorsione alla caviglia e parecchie giornate out all’orizzonte. Problemi anche per Wes Welker e Orlando Vasquez, anche se per loro il recupero sembra più veloce. Da spavento l’incidente accaduto a Derek Wolfe, rimasto a terra immobile dopo un brutto colpo al collo e portato via, immobilizzato, in barella, con tutti i presagi che fosse accaduto qualcosa di davvero pericoloso. Invece fortunatamente esami positivi, nessuna frattura alle vertebre e un sospiro di sollievo. Di certo lo rivedremo in campo anche se non si sa ancora quando.

Altri piccoli acciachi al linebacker Bradley, al centro Lilja e al ricevitore Orton, tutti da valurare nei prossimi giorni.

Detto di questi infortuni, sicuramente la nota peggiore del match, passiamo ad analizzare le prestazioni dei giocatori, coi titolari impiegati per i primi due quarti della partita.

L’attacco non si muove male, soprattutto sui passaggi Manning pare già in forma e i suoi ricevitori lo aiutano a dovere. Ottime le ricezioni di D. Thomas, di Wes Welker, che trova anche il primo touchdown della sua avventura a Denver e del TE Julius Thomas, anche oggi autore di una prestazione maiuscola, rovinata però da un sanguinoso fumble dopo un lungo guadagno.

Sanguinoso, ma sembre meno grave del fumble commesso dal running back Ronnie Hillman proprio pochi millimetri prima della linea di meta, che viene recuperato dalla difesa di casa e riportato per ben 107 yards in TD. Davvero una disdetta. Hillman che già prima del fumble aveva lasciato parecchio perplessi per la sua poca efficacia. Come lui anche gli altri rb di giornata (fuori CJ Johnson e K. Moreno per infortunio) non lasciano buone impressioni, fatichiamo sempre troppo a chiudere i down se si sceglie di correre e sono poche le yards guadagnate ad ogni corsa tentata. Forse un pizzico meno grigia la prestazione di Montee Ball che sembra cominciare ad inserirsi un po’ nell’attacco dei Broncos. Certo è che se non si migliora, la situazione non è per niente rosea in questo ruolo.

La linea offensiva non mi è piaciuta, soprattutto sulle corse non riesce mai ad aprire spazi importanti e i blocchi non sono mai determinanti. Sui passaggi va un po’ meglio anche se Ramirez come centro e lo stesso Lilja non convincono per niente. Si aspetta ancora il ritorno di Clady e si spera anche di Kuper, che servirebbe come il pane visto anche l’acciacco di Vasquez.

Nel secondo tempo con le riserve in campo qualche buona giocata per Brock Osweiler, che si muove bene fuori dalla tasca per sfuggire alla pressione e lancia anche bene quando è in movimento, ma non riesce ancora a trovare il TD che gli darebbe fiducia. Comunque avrà ancora tempo per fare pratica.

La difesa, che ben aveva fatto alla prima uscita, invece delude e parecchio. Spesso battutti i CB (soprattutto le riserve nel secondo tempo) e poca, pochissima pressione sul qb avversario. Von Miller non si vede mai, forse distratto dai problemi fuori dal campo, si parla di sei giornate di stop in arrivo per lui, e il resto della linea non mette mai in difficoltà l’attacco avversario.

Si fatica sempre tanto contro le corse centrali, dove si vedono buchi troppo grandi e anche sui passaggi il centro è terra di nessuno. Non convincente Bradley come MLB, da rivedere Irving e note positive solo da Trevathan nel secondo tempo. Se a questo ci aggiungiamo che Miller verrà squalificato e difficilmente Wolfe e Bailey saranno pronti per la regular season, la situazione si fa davvero complicata.

Bene ancora Trindon Holliday, davvero un return man efficacie e di sicuro affidamento, come sempre lo stesso giudizio vale per Colquitt e Prater.

Insomma, c’è molto ancora da lavorare, la prossima sfida coi titolare impiegati per tre quarti darà indicazioni ancora più precise.

Share

E’ cominiciata giovedi notte la stagione NFL con la prima partita di preseason. Buona per riprendere confidenza con il campo e per valutare quei giocatori che sembrano solo da training camp ma che potrebbero ritrovarsi tra circa tre settimane a far parte del roster.

Come sempre il risultato più importante è quello di evitare gli infortuni e quello che dice il tabellone a fine gara conta poco.

Di seguito alcune impressioni dopo aver visto il match:

Infortuni gravi evitati, come detto era l’obiettivo principale quindi bene cosi.

I titolari non giudicabili, solo una serie che si è chiusa con il punt per l’attacco. La difesa poco di più in campo ma non giudicabile.

Brock Osweiler gioca quasi tre quarti di match, sembra migliorato dallo scorso anno ma in ogni caso non porta la squadra a punti e non commette grossi errori. Dysert fa il suo esordio nel finale.

Hillman parte come running back titolare, gioca due serie e non lascia traccia. Montee Ball non fa meglio. Il migliore è stato CJ Anderson, ottime corse per lui (69 yards con 4.6 di media) ma contro le terze linee avversarie. Da rivedere nei prossimi match.

Tra i migliori il TE Julius Thomas, 4 ricezioni per lui e ottimi blocchi in azioni di corsa. Sfrutta al meglio il tempo che Fox lo lascia in campo. Sembra finalmente pronto a prendersi un posto a roster visti anche i recenti infortuni di Dreesen e Tamme.

La linea offensiva non convince. Poco tempo per il quarterback e poi la protezione collassa. I buchi per i running back sono pochi, soprattutto al centro. Speriamo le cose migliorino.

L’attacco sembra molto simile a quello dell’anno scorso, con Manning il gioco sui passaggi la farà da padrone. Manca ancora il running back trattore che possa guadagnare il down sui terzi e corto. Ma c’è tempo ancora.

La difesa va sicuramente meglio, 4 turnover a favore (2 fumble recuperati e 2 intercetti), l’unico TD della partita su fumble riportato in meta dal nuovo arrivato S. Phillips.

Ottima la prova della safety Ihenacho, già sorpresa del training camp, che parte titolare con Rahim Moore. Buoni tackle e sempre vicino alla zona della palla, davvero non male.

Discreto anche Omar Bolden tra i CB.

Altro giocatore in evidenza è Nate Irving, che gioca come SLB tra le riserve ed è autore di buonissime giocate.

Holliday è già in forma, un bel kick return di 44 yards. Colquitt e Prater le solite certezze.

Share

I Broncos hanno fatto un cambio nella loro practice squad. E’ stato rilasciato il fullback Austin Sylvester e al suo posto è stato firmato il defensive tackle Sealver Siliga.

Siliga è un undrafted free agent che ha iniziato la stagione coi 49ers.

 

Share

Elvis Dumervil, Champ Bailey, Brandon Lloyd, Knowshon Moreno, Marcus Thomas, Demaryius Thomas, D.J. Williams e Ty Warren.

Questo il lungo elenco dei giocatori che non hanno preso parte agli allenamenti perchè infortunati. Un bel problema per i Broncos che già soffrono di un roster non particolarmente profondo. Da valutare gli infortuni a Lloyd, Bailey, Moreno e Dumervil, tutti usciti malconci dal primo match di stagione contro i Raiders. Sicuramente out invece Marcus Thomas, D.J. Williams, Ty Warren e Demaryius Thomas. Si spera che durante la settimana possano giungere buone notizie dall’infermeria.

Share

Il WR Mark Dell è stato messo nella waived/injury list, se nessun altro team lo firmerà nelle prossime 24 ore sarà inserito nella injury list, come già successo al rb Mario Fannin qualche giorno fa.

Per lui un infortunio al ginocchio nella prima partita di preseason a Dallas. Un peccato perchè proprio come Mario Fannin, era uno dei rookie non scelti con più potenziale e stava facendo vedere buone cose.

Al suo posto è stato firmato il WR Greg Orton (nessuna parentela col qb), reduce da due stagioni in Arena Football League.

Share

Il RB Mario Fannin, è stato messo nella injury list a causa di un infortunio subito pochi giorni fa in allenamento. Durante il training camp si era rivelato uno dei prospetti migliori tra gli undrafted free agent, ma purtroppo questo infortunio lo deve fermare. Bene per i Broncos che possono tenerlo a roster e aspettare la sua completa guarigione, per rivalutarlo in futuro.

Share