20

Dec 11

Denver Broncos vs New England Patriots 23-41

Ci sono squadre che sono ancora fuori dalla portata di questi Broncos.

I New England Patriots di Tom Brady sono una di queste. Troppo forti i Patriots e troppo forte Tom Brady, che ha la meglio di una difesa con le secondarie rimaneggiate (fuori Dawkins, con Goodman non in ottima condizione) e che in tutto il primo tempo fatica a mettergli pressione, agevolandogli il compito.

Ma la sconfitta, seppure pesante nel punteggio, ha lasciato anche ottime indicazioni su questi Broncos, che confermano il buon periodo di forma e i miglioramenti costanti di Tim Tebow sui giochi di passaggi, lasciando comunque un discreto ottimismo sulle possibilità di arrivare ai playoff, quando mancano due partite alla fine della regular season. E già parlare di playoff e di possibile vittoria della AFC West sembra incredibile vista la stagione passata.

La partita inizia in controtendenza rispetto alle ultime dei Broncos, con l’attacco che parte a razzo e macina yard sia su corsa che su passaggio, segnando nel drive di apertura con una corsa di Tim Tebow da 9 yards, a chiudere un bellissimo drive fatto di 9 giochi per 80 yards. Punteggio 6-0 perchè viene fallito l’extra point, a causa di un brutto snap di Lonnie Paxton.

New England risponde bene e riesce a pareggiare il conto con il touchdown di Chad Ochocinco su un passaggio da 33 yards di Tom Brady, che coglie il ricevitore completamente solo vicino all’endzone. Sbagliata l’intesa tra safety e cornerback e il ricevitore ne approfitta andando a realizzare la sua prima meta di una stagione sicuramente deludente per lui, fino a oggi almeno. L’extra point porta i Patriots sul 7-6.

I Broncos però non ci stanno e segnano ancora, questa volta con Lance Ball con una splendida corsa da 32 yards che chiude un buon drive di Denver sul finire del quarto.

Tebow mostra ottimi passi in avanti sui passaggi, pescando Demaryius Thomas su diverse traiettorie e sempre con buona precisione. I running back giocano bene, McGahee, Ball e anche Jeremiah Johnson sfruttano i blocchi della linea d’attacco e un paio davvero buoni del rookie TE Virgil Green, per conquistare ottimi guadagni, tanto da battere il record di yard di corsa subite dai Patriots in un solo quarto, più di 150.

Insomma l’attacco gira proprio bene. Almeno per il primo quarto.

Poi si inceppa. Si perdono due fumble cruciali nella nostra metà campo, uno di Lance Ball e l’altro di Tim Tebow. Un invito a nozze che i Patriots non si lasciano certo sfuggire, capitalizzando al massimo i “regali” del nostro attacco, mettendo a segno quattro segnature (due TD e due FG) nel solo secondo quarto, chiudendo virtualmente la partita.

All’intervallo il punteggio è 27-16. Con palla ai Patriots al rientro.

La partita continua con l’attacco di Denver che ora fatica di più e i Patriots che controllano più o meno senza grossa fatica l’andamento del match, andando a realizzare ancora una meta a inizio terzo quarto. Per i Broncos accorcia le distanze il secondo TD di corsa di Tim Tebow ma questa volta, come prevedile, la rimonta miracolosa non avviene. Troppo distanti nel punteggio e troppo forti i Patriots per farsi sorprendere nel “Tebow Time”.

In ogni caso una sconfitta che ci può stare, come detto non siamo ancora pronti per certe sfide, ma i segnali buoni ci sono eccome. Soprattutto in attacco, con Demaryius Thomas che continua il suo ottimo momento andando a ricevere 7 passaggi per 116 yards, dimenticandosi i drop di troppo presenti nelle ultime partite.

Buone indicazioni anche dai running back. Willis McGahee seppur acciaccato e dentro e fuori dal campo per i colpi subiti, registra 70 yards in 7 portate, arrivando a quota 990 il totale di una stagione davvero buona per lui. Buona anche la prova di Lance Ball, 11 corse per 64 yards e 1 TD.

La linea d’attacco si conferma eccellente sulle corse e più in difficoltà sui passaggi, dove non riesce a proteggere al meglio Tim Tebow, costringendolo a subire qualche sack di troppo.

In difesa sono gli infortuni a preoccupare, le secondarie sono giovani e possono peccare di inesperienza, fuori Dawkins restano i due rookie Moore e Carter a fare i titolari. Moore dimostra ancora gravi problemi sui placcaggi in campo aperto, ne sbaglia davvero troppi. Quinton Carter è molto abile invece nei placcaggi, ma a volte sbaglia il movimento (come sul primo TD dei Patriots) lasciando scoperte zone di campo ampie per i passaggi avversari.

Ancora un sack per Dumervil e buona pressione di Von Miller, anche se poi non risulta nelle statistiche avendo messo a segno solo un tackle in tutto il match.

Ora la situazione in division si fa davvero interessante, ai Broncos mancano i match contro Buffalo (sabato sera) e poi la sfida contro i Chiefs di Kyle Orton, tornati incredibilmente in corsa dopo aver sconfitti i campioni dei Packers, imbatutti fino ad ora.

Tutte e quattro le squadre hanno ancora speranze di playoff, con i Broncos però in vantaggio su tutti e padroni del loro destino, ancora in vetta alla division.

Con una vittoria sabato contro i Bills, e la contemporanea sconfitta dei Raiders contro i Chiefs, sarebbero campioni di division nella AFC West. Sembra strano anche solo pensarci.

Share

3 Comments

  1. alessandro says:

    la partita è stata incoraggiante, oltre al famigerato secondo quarto con i due fumble però mi preoccupano le condizioni di
    McGahee che ci ha costretto a giocare praticamente con un solo running back (visto lo scarso utilizzo di johnson) per 3 quarti di partita.

  2. Alo says:

    Mi sfuggono i criteri per stabilire la classifica in caso di parità?
    Per gli scontri diretti non dovremmo essere i vantaggio sui Raiders e in svantaggio sui Chargers? Qualcuno può spiegarmi come funziona?

    In ogni caso stasera contro il Bills sarà, a mio avviso, la partita decisiva, ma dobbiamo ritrovare la difesa, rimanendo scettico sulle capacità del profeta di condurci alla terra promessa…

    1. zio111 says:

      È piuttosto complessa la situazione. Vincendo oggi e con la sconfitta dei raiders contro i chiefs si vince la divisone. Con la vittoria di oggi inoltre si eliminirebbero i chargers. Se si perde oggi si può ancora vincere la divisione battendo i chiefs nel prossimo turno. Insomma stasera bisogna vincere.

Leave a Reply