Posts Tagged ‘Julus Thomas’

Missione compiuta

La partita contro i Titans sulla carta era decisamente abbordabile e non ha riservato sorprese. Se vogliamo è stata fin troppo equilibrata nel primo tempo, chiuso in vantaggio dagli ospiti per 21-20, ma nella ripresa i Broncos hanno aggiustato il tiro e portato a casa la vittoria dilagando nel punteggio e chiudendo sul 51-28 il match. La vittoria consegna l’accesso matematico ai playoffs, su cui c’erano pochi dubbi, ma non garantisce ancora i primi due posti nel ranking AFC. Il record di 11-2 è infatti il migliore a oggi, davanti ai Patriots e Chiefs con 10-3 entrambe. I Broncos hanno il vantaggio nello scontro diretto coi Chiefs per la vittoria di division, ma non c’è ancora la matematica certezza di saltare la wild card. Non bisogna staccare la spina e continuare a vincere le tre sfide che restano in calendario per prepararsi al meglio per i playoffs. Per il momento abbiamo solo staccato il biglietto della post season

Partenza lenta

temp131208_Christus18--nfl_mezz_1280_1024Domenica come detto i Broncos hanno vinto abbastanza agevolmente ed è da subito apparso che gli unici problemi che potevano avere i Broncos erano dovuti ai loro stessi errori piuttosto che alla forza degli avversari. Nel primo tempo però i Titans sono stati ampiamente in partita, realizzando il TD di apertura dopo pochi minuti dall’inizio del match e replicando con un secondo td alla segnatura del momentaneo pareggio di Wes Welker. Le giocate chiave sono state i big play concessi dalla secondaria dei Broncos, in difficoltà con il rookie Webster battuto più volte a inizio partita. Omar Bolden, schierato in alcuni giochi come safety, ha sofferto parecchio non riuscendo a dare la giusta copertura sul profondo. Inoltre, come domenica scorsa e sperando che non sia un secondo campanello d’allarme, gli special teams dei Broncos hanno concesso un ritorno di kickoff lunghissimo, questa volta fermato solo a un paio di yards dal touchdown. Fino ad’ora il reparto si era comportato egregiamente, ma due ritorni da td (o quasi) in due partite non vanno sottovalutati e serve porvi rimedio al più presto. Non sono mancate le occasioni per l’attacco dei Broncos per pareggiare il match e per portarsi in vantaggio, ma alcuni piccoli errori di esecuzione hanno rallentato l’operato di Manning e soci. Ci sono stati un paio di drops importanti, uno di Montee Ball su tutti e anche Manning non è stato precisissimo sulla goal line sbagliando un paio di passaggi in endzone che avrebbero potute dare la meta ai Broncos. Nel primo tempo sono arrivati due td e un field goal di Matt Prater, ma le occasioni per fare più punti ci sono state. Come commenato su facebook live durante il match, la sensazione all’intervallo era che la partita si sarebbe vinta correggendo quegli errori di esecuzioni e facendo valere il maggior talento in campo rispetto agli avversari.

Manning sotto zero

Nella ripresa i Broncos hanno fatto esattamente quello che ci si aspettava da loro. Molti meno errori e partita dominata. Manning ha messo sul campo tutto il suo talento e se qualcuno alcuno ancora aveva dubbi sulle sue prestazioni in un clima freddo è stato accontentato. Il match in alcuni momenti si è giocato con una temperatura di -10° e Manning, bardato fino al collo, guanto della discordia compreso, non ha battuto ciglio e ha messo in piedi una prestazione eccellente. Nella ripresa pochissimi errori e altri 2 td realizzati, Julius e Demaryius Thomas i suoi bersagli, oltre alla segnatura su corsa di Moreno, hanno chiuso il match. I Titans non sono stati in grado di reagire e sono rimasti al palo. Con questa segnatura Julius Thomas batte il record di TD per un TE nella storia dei Broncos, ovviamente posseduto dall’hall of famer Shannon Sharpe che si era fermato a 10 per due stagione. Il TE rivelazione dell’anno è a quota 11 nonostante un paio di match persi per infortunio e ancora 3 partite da giocare. Davvero una grande stagione per lui. Manning ha chiuso il match con 39 completi su 59 passaggi tentati, per 397 yards e 4 TD senza intercetti e senza subire sack. Davvero grandi numeri che lo avvicinano ancora di più al premio di MVP stagionale che in pochi potranno contendergli quest’anno. Questi numeri fanno ben sperare per i playoffs visto che il clima sarà freddo come domenica scorsa sia a Denver, sia a New England, sia a New York, sedi dove i Broncos potrebbero trovarsi a giocare playoffs ed eventualmente il superbowl.

Miller torna protagonista

La ripresa è stata dominata dai Broncos, anche grazie alle giocate della difesa che hanno forzato due turnover dell’attacco dei Titans. Von Miller è stato determinante in entrambe le temp131208_Hays_21_INT--nfl_mezz_1280_1024occasioni, prima andando a contrastare Fitzpatrick durante il lancio e sporcando il pallone che è finito poi nelle mani del DT Knighton. Successivamente una sua ottima giocata ha causato il fumble di Chris Johnson recuperato da Mike Adams. I due recuperi sono stati seguiti da due drive da TD dell’attacco creando quel solco nel punteggio che ha deciso la partita. Questo tipo di giocate sono fondamentali per i Broncos, la difesa non deve essere quella del primo tempo, un po’ troppo aperta a imprecisa, ma quella del secondo tempo, aggressiva e decisa nel mettere pressione al qb e nel forzare turnover. Più volte si mette la palla in mano a Manning e più punti arrivano per i Broncos. Domenica era ancora assente Champ Bailey di nuovo ai box per i problemi al piede e reduce da una pessima partita domenica scorsa. Anche l’assenza di Rahim Moore inizia a farsi sentire e forse sulle secondarie potremmo soffrire un po’, soprattuto se Bailey non tornerà in forma presentabile entro poche settimane. Per questo la presenza del vero Von Miller diventa ancora più importante, per dare meno tempo al qb avversario di pescare il ricevitore libero. Se la difesa può essere il tallone d’achille di questi Broncos, l’attacco invece aggiunge nuove frecce al proprio arco. Ieri di nuovo ottima partita per Montee Ball, autore di corse davvero importanti e che dimostra una forza nel resistere ai placcaggi davvero notevole. Per lui alla fine 77 yards su 15 corse. Moreno si conferma in grande forma segnando un td a mettendo a referto 78 yards in 14 portate. Un reparto running backs davvero convincente in questa fase della stagione.

Prater da record

La partita di domenica passerà alla storia anche per un altro momento da ricordare. Matt Prater sul finire del primo tempo realizza un field goal dalle 64 yards, nuovo record NFL. temppraterfg--nfl_mezz_1280_1024Davvero una grandissima giocata per il kicker dei Broncos che quest’anno sta giocando alla stragrande. E’ super affidabile e in tutto l’anno ha sbagliato solo 1 field goal dei 19 tentati. Davvero una macchina che corona giustamente con questo nuovo record il suo momento. Complimenti davvero.

Ora per i Broncos ci sarà una settimana cortissima e giovedi si torna in campo contro i Chargers, reduci dalla bella vittoria contro i New York Giants e avversario sempre ostico da non sottovalutare. Poi si chiuderà la stagione con due trasferte in casa dei pessimi Texans, che hanno appena esonerato Gary Kubiak, per finire in casa dei Raiders sperando di avere già la bye week in tasca.

MHC MVP – Matt Prater: 2 fg realizzati, dalle 25 e dalle 64 yards, nuovo record NFL. E’ un piccolo premio per il record davvero importante, l’altro MVP del match è sicuramente Peyton Manning.

Share