Archive for November 13th 2011

Analizziamo in questo post il rendimento dei running back in questa prima metà stagione.

Il gioco di corse era uno dei punti di forza dell’attacco di John Fox e sua intenzione era quello di renderlo l’arma principale con il quale stancare le difese avversarie e controllare il cronometro. Sicuramente un’idea azzeccata dato il livello dei quarterback che non garantisce l’affidabilità necessaria per impostare un attacco principalmente basato sui passaggi. Nelle prime 8 partite il gioco di corse ha totalizzato 1180 yards e 4 TD, con una media di 147.5 yards per game, quinto in tutta l’NFL. A contribuire a questi numeri di certo positivi ci sono anche le corse di Tim Tebow, 277 yards fino a oggi. Dunque un ottimo risultato per quello che dovrà per forza di cosa essere la nostra arma principale anche da qui alla fine della stagione. Vediamo ora uno per uno come sono andati i tre running back a roster.

Willis McGahee

La sua rinascita è stata la sorpresa positiva di questo inizio di stagione. Arrivato ai Broncos dopo quattro anni ai Ravens, dove a parte la prima stagione (1207 yards e 7 td), non aveva reso come sperato, doveva essere il secondo running back, per dare il cambio di passo a Knowshon Moreno, titolare designato. Solo 4 corse per lui la prima partita, poi l’esplosione. A causa dell’ennessimo infortunio di Moreno viene promosso titolare, e sfodera prestazioni eccellenti uno dopo l’altra, tanto che anche con il rientro del numero 27, ormai il posto da titolare è suo. Già 4 partite oltre le 100 yards e nono running back della lega, nonostante abbia saltato due partite per infortunio. L’ultima prestazione contro i Raiders ha del clamoroso. Gioca con una mano fratturata (operata e con una placca all’interno) ma sembra non avere nessuno problema, sfodera una corsa dietro l’altra e chiude con 163 yards in 20 corse e 2 TD che piegano la difesa dei Raiders e danno la vittoria ai Broncos. E’ tornato ai suoi migliori livelli, anche se a 30 anni ci si può aspettare che la sua stagione continui su questi standard. Di certo i Broncos ne trarranno beneficio. E’ considerato un power running back, da corse sull’interno e di potenza, ma nel nuovo attacco Broncos, ricco di giochi in options, è riuscito a dimostrare di avere anche una discreta velocità in campo aperto e ottima visione degli spazi liberi.

Statistiche: 123 corse per 623 yard (5.1 ypc), 3 TD. 11 ricezioni per 49 yards e 1 td. 2 fumbles (1 perso)

Volto 8: di certo uno dei giocatori con il rendimento più alto dall’inizio della stagione.

Knowshon Moreno

Al terzo anno, le parole promessa e ottimo potenziale si stanno ormai trasformando in infortuni e delusione. L’ex prima scelta (12ma assoluta) non riesce proprio a sfondare. Doveva essere il suo anno, nuovo attacco concentrato sulle corse e lui titolare quasi induscusso. Invece ancora i soliti piccoli infortuni e la solita inconsinstenza lo hanno relegato a ruolo di backup, di running back da terzo down dove forse troverà la sua dimensione essendo un discreto ricevitore e avendo comunque un ottima velocità di base e buona agilità. Ma come running back principale possiamo dire che abbia fallito. La sua unica giocata da ricordare è il td su screen pass contro San Diego, nella partita di esordio di Tim Tebow, dove con un ottima giocata ha ricevuto palla appena fuori dal backfield è ha corso per 28 yards liberandosi di un paio di avversari e realizzando un touchdown. Per il resto la solita grande agitazione quando riceve palla, finte e contro finte che non portano da nessuna parte e poi il placcaggio avversario. Ha ancora 8 partite per ritagliarsi un ruolo in questo attacco, magari proprio come running back dai terzi down e per cercare di togliersi l’etichetta di bust sempre più grande sulle sue spalle.

Statistiche: 33 corse per 127 yards (3.8 ypc), 0 TD. 11 ricezioni per 101 yards e 1 td. 1 fumble (perso)

Voto 5: insufficiente come running back, qualche spiraglio in più come ricevitore fuori dal back field

Lance Ball

Terzo running back utilizzato molto poco in stagione. Quando è chiamato in causa non è nemmeno così male. Nelle ultime partite riesce a ritagliarsi il suo spazio con 4-5 portate a partita. Sembra essere un running back tosto, fisico e da utilizzare verso il centro del campo e ha messo a segno un TD su ricezione nell’esordio stagionale contro i Raiders. Viene usato in tutti gli special teams. La sua corsa più lunga è di 34 yards nella sconfitta contro Detroit. E’ ancora giovane e da scoprire, è solo alla sua terza stagione e per il momento il suo compitino lo sta facendo senza sfigurare affatto.

Statistiche: 25 corse per 131 yards, 0 td. 6 ricezioni per 30 yarsd e 1 td. 1 fumble (perso)

Voto 6: non sfigura, anzi. Ora è il backup di Willis McGahee nei primi due down. Difficile prevedere un ruolo maggiore al momento.

Share