Archive for November 28th 2011

Quarta vittoria consecutiva e quinta nelle ultime sei partite per i Broncos. Sconfitte in trasferta tutte e tre le rivali di division. Record portato da 1-4 a 6-5. Dall’ultimo posto in classifica nella AFC West al secondo posto in piena lotta per la vittoria e per una wild card ai playoff.

Questo sono i Denver Broncos di novembre, che hanno messo in atto una metamorfosi davvero incredibile.

Tutto è cominciato col cambio di quarterback e l’inizio dell’era Tim Tebow. Ma questo da solo non sarebbe bastato. Un grandissimo gioco di corse per stancare fisicamente gli avversari, e una difesa finalmente aggressiva e concreta, che ferma le corse in maniera discreta e mette una grande pressione ai qb avversari con la coppia d’oro Dumervil-Miller, sono gli elementi principali che poi permettono a Tebow di essere decisivo quando serve. Senza gli altri fattori non ci sarebbe l’occasione per far decidere le partite e Tebow.

Contro i San Diego Chargers è andata in scena l’ennesimo capitolo della nuova versione dei Broncos, che nei concetti base del football il suo credo. Correre in attacco, stancare la difesa avversaria, non commettere tournover e con la difesa togliere dal campo l’attacco avversario il prima possibile. E questo ha funzionato al meglio.

L’inzio partita come sempre in attacco è stato poco concreto, si è mossa bene la palla con tante corse ma sui terzi down si è sofferto troppo e spesso si è stati costretti ad affidarsi al punt, cercando più il gioco delle posizioni in campo che non i punti. Così, pur con i Chargers non brillanti e Philip Rivers in difficoltà come nelle ultime partite, San Diego è riuscita a realizzare prima un field goal e poi un td con il solito Antonio Gates, portando il risultato sul 10-0. Read on »

Share