1

Jan 13

Denver Broncos Vs Kansas City Chiefs 38-3

Regular Season archiviata nel migliore dei modi. Nessuna distrazione, partita dominata e undecisimo successo di fila. Stagione chiusa sul 13-3, vittoria in AFC West ma non solo. La posta in palio domenica, dopo la sconfitta dei Texans in casa di Indianapolis, era la posizione numero 1 nel seed dei playoffs della AFC. Non poco, significa che la strada per il Superbowl passa da Denver e chi vuole raggiungere deve batterci, in casa nostra.

Da sempre giocare a Denver non è la cosa più facile per gli avversari. L’altitudine può giocare brutti scherzi agli avversari non abituati, facendo mancare presto l’ossigeno soprattutto agli uomini delle due linee, più soggetti a sforzi. Inoltre lo stadio sarà un catino arancione, come tutta questa stagione, il pubblica sarà il dodicesimo uomo in campo. Insomma meglio di così non si poteva sperare.

tempAP144604073462--nfl_mezz_1280_1024La partita è stata poco più che una formalità, sebbene nella NFL non esistano partite facili, i Broncos hanno aperto subito le segnature con la corsa di Knowshon Moreno a chiudere un bel drive offensivo. Da li in avanti la difesa ha dominato come in tutte le ultime occasioni, togliendo ossigeno all’attacco avversario. Sono stati limitate sia le corse, pericolose con Jamal Charles (fermo a 53 yards in tutto il match), sia il gioco di passaggi, non una vera minaccia in realtà, visto l’avversario, quel Brady Quinn che non riesce proprio a trovare la sua dimensione NFL e risulta essere uno dei peggiori qb al momento.

Tra gli highlights del match i due touchdown di Eric Decker, uno dei quali con una grandissima ricezione a una mano in tuffo nell’angolo della endzone. Demaryius Thomas poi non è voluto essere da meno e ha rubato la scena al compagno, mettendo a segno la giocata del match, ricezione a una mano in salto ad un altezza incredibile valido per il touchdown. Due grandissime giocate che lasciano un po’ di rimpianto ai due ricevitori, quello di non essere stati presi in considerazione per il probowl, nonostante la stagione eccezionale di entrambi. I Broncos hanno fatto giocare i titolare per i primi tre quarti, poi col punteggio largamente favorevole è stato dato spazio alle riserve. Tra queste la curiosità era per il rookie Brock Oisweler, che ha guidato un paio di drive offensive, mettendo a segno i primi due completi della sua carriera. Per lui ci sarà tutto il tempo di imparare alle spalle di un sontuoso Peyton Manning, anche oggi perfetto, che ha chiuso il match con 23 completi su 29 passaggi, per 304 yards e 3 td, nessun intercetto e nessun sack subito. Il suo qb rating è stato praticamente perfetto, 144.8.

temp121230_Hays20_Decker_2TD--nfl_mezz_1280_1024C’è stato spazio anche per Lance Ball e Jacob Hester, che hanno dato respiro a Moreno alternandosi nel ruolo di running back con ottimi risultati. Hillman invece è stato messo un po’ da parte dopo il fumble causato in avvio di partita, un po’ per punizione un po’ per qualche blocco sbagliato in fase di copertura dei blitz. Su questo reparto c’è ancora da lavorare in vista dei playoffs, ci sono buone indicazioni da Moreno, ma manca quella certezza di avere un titolare dominante o quantomeno molto buono e della mani sicure. Forse l’alternanza di due tre giocatori potrebbe essere la situazione più convincente.

Alla fine la doccia di gatorade ha premiato John Fox, meritato tributo all’architetto di una squadra che partita dopo partita sta diventando sempre più forte e sicura dei propri mezzi. Il cantiere che era aperto dopo qualche giornata, si sta realizzando e l’opera che ne sta derivando è grandiosa. I Broncos hanno ottenuto il miglior record di tutta la NFL (13-3 al pari di Atlanta) e ora sono i favoriti dei bookmakers per la vittoria al superbowl.

L’attacco guidato da Peyton Manning è uno spettacolo da guardare, segna ormai 30 punti fissi a partita (a volte aiutato dalla difesa) e sembra in grado di battere qualsiasi tipo di difesa.

tempAP436974476287--nfl_mezz_1280_1024La difesa dei Broncos è stata la vera rivelazione, il lavoro svolto da Jack Del Rio è stato fantastico. Record di sack di tutta la NFL e prime posizioni in tutte le statistiche che contano dall’altra parte della palla. Davvero miglioramenti incredibili se si pensa che non ci sono stati grandissimi acquisti in offseason ma si è lavorato sugli stessi giocatori che c’erano l’anno scorso. Certo l’attacco di Manning, che spesso porta in vantaggio la squadra, è un grosso aiuto anche per la difesa, a confermare ancora di più quel concetto di squadra dominante e non solo uno dei due reparti.

Dunque regular season chiusa alla grandissima, ora week end di riposo e poi sotto con i playoffs. A fare visita a Denver sarà una tra i Colts, i Ravens o i Bengals, a seconda di come andranno le wild card. In tutti e tre i casi i Broncos partiranno da favoriti ma non bisognerò sottovalutare l’avversario.

L’aver dominato in regular season ora non conta più, l’obiettivo è cambiato e si chiama Superbowl.

Share

No comments yet, be the first.

Leave a Reply