Posts Tagged ‘Nate Irving’

Una brutta sconfitta

Thursday Night per i Broncos che ospitano a Denver i rivali di division, i San Diego Chargers, ancora in lotta per una wild card che salverebbe una stagione iniziata in maniera piuttosto deludente. La rivalità tra le due squadre è sempre altissima e la sfida per questo è complicata, anche se sulla carta sono i Broncos a essere favoriti. L’inizio del match rispecchia le previsioni con i Broncos che al primo drive trovano subito il touchdown temp131212_Christus15--nfl_mezz_1280_1024grazie ad Andre Caldwell, che sostituisce l’infortunato Wes Welker, e riceve da Peyton Manning un lancio da 15 yards che chiude un bel drive iniziale da 7 giochi e 67 yards. I Chargers non si scoraggiano e rispondono anche se solo con un field goal al vantaggio dei padroni di casa, alternando corse e passaggi ma i primi risultati sembrano far capire che oggi le corse possano essere un grosso problema per la difesa dei Broncos. I Broncos allungano nel punteggio col loro secondo drive dove riescono a realizzare un field goal con Matt Prater dalle 32 yards, dopo che una brutta di corsa di Montee Ball (-6 yards) aveva ingolfato l’attacco arancio-blu. I Chargers da questo punto del match prendono il controllo e dominano sulle corse, con continui guadagni che bruciano tempo sul cronometro e portano Rivers a fare il “minimo sforzo” per chiudere i down e non lo costringono praticamente mai a forzare la giocata. Il dominio dei Chargers si manifesta ben presto anche nel punteggio, con i due TD consecutivi di K. Allen che portano gli ospiti avanti nel punteggio 17-10 all’intervallo. Nella ripresa la musica non cambia, i Chargers riescono a utilizzare tantissimo tempo sul cronometro quando hanno la palla in mano, lasciando Manning seduto in panchina a osservare la propria difesa in difficoltà. Arriva subito un altro TD per San Diego che allunga sul 24-10 il proprio vantaggio e mette le mani sulla partita. Manning non riesce a replicare subito e i Broncos dopo un brutto three and out devono cedere di nuovo il campo ai Chargers, non certo la medicina migliore per una difesa già in difficoltà. Quando per una volta poi la difesa riesce a tenere, arriva la più stupida delle penalità, un offside di Nate Irving sul punt dei Chargers che regala il primo down a San Diego e ne allunga il drive, permettendo di consumare altri preziosissimi minuti nel terzo quarto di gioco col punteggio compromesso. Davvero una penalità che potrebbe essere stata la svolta in negativo del match.

Non si corre

temp131212_Hays-28--nfl_mezz_1280_1024L’attacco dei Broncos prova poi a rimettere in piedi il match nell’ultimo quarto quando Manning riesce a trovare il touchdown del 24-17 pescando ancora Andre Caldwell in endzone. La difesa tiene bene e riesce a ridare palla all’attacco per il possibile drive del pareggio, ma qui è Manning a farsi intercettare due azioni dopo e a spegnere ogni velleità di rimonta dei Broncos. San Diego con di nuovo palla in mano consuma tempo mettendo ancora tre punti sul tabellone e i Broncos negli ultimi minuti non riescono nell’impresa di recuperare il match che finisce con un altro field goal di Prater sul 27-20 finale. La partita è stata brutta, mal giocata sia dall’attacco che dalla difesda. Forse i pochi giorni di riposo hanno offuscato un po’ le idee a tutti e la fatica della stagione inizia a farsi sentire. L’attacco oggi non è riuscito a correre come aveva fatto nelle ultime uscite, quelle corse che avevevano dato un gioco più completo ai Broncos e reso Manning ancora più letale. Domenica sono state soltanto 18 (!!) le yards di corsa su 11 tentativi. Il fatto di essere andati subito sotto nel punteggio, con i Chargers che bruciavano molto tempo sul cronometro, probabilmente hanno fatto cambiare in corsa il piano offensivo dei Broncos e costretto Manning ad insistere più sui passaggi abbandonando il gioco di corse, più lento e soprattutto meno produttivo nei primi giochi di corsa tentati. Il risultato non è stato vincente però, anche perchè non si è visto il miglior Manning di stagione, 27 completi su 41 passaggi tentati per 289 yards, 2 TD e 1 Int. Se Caldwell ha provato a far dimenticare Welker, con 6 ricezioni e due td, gli altri ricevitori sono stati meno produttivi del solito. Insomma una prova davvero opaca dell’attacco che ha portato alla meritata sconfitta.

I misteri della difesa

Se l’attacco non ha brillato, di certo non si può essere contenti della difesa. Tanti punti concessi, ormai una costante purtroppo, nessuna opposizione sulle corse dei Chargers, che hanno messo a referto ben 177 yards calpestando ogni tentativo di resistenza. Rivers non è il qb più forte in circolazione, soprattutto se viene messo sotto pressione più di una volta si è visto che può andare davvero in crisi. Questa domenica non ha dovuto faticare per nulla e si è limitato al compitino, solo 12 i passaggi completati su 20 tentati con 2 Td e nessun intercetto, segno che quando le corse funzionano, per l’attacco sono la soluzione migliore e meno rischiosa. La difesa dei Broncos sta diventando davvero quaòlcosa di poco decifrabile. Debole sulle secondarie, con Bailey ancora ai box e Webster che spesso viene cercato dai qb avversari che sfruttano la sua inesperienza e spesso temp131212_Bakke51--nfl_mezz_1280_1024riescono a batterlo, alterna prestazioni promettenti ad altre disarmanti dove non si vede nulla di positivo. Ai playoffs questa difesa non può reggere e ormai il tempo per trovare dei rimedi sembra scarseggiare. Nelle ultime due partite poi si è visto qualche cambio che mi ha lasciato però più perplesso che fiducioso. Wesley Woodyard, che mi è sempre parso uno dei pilastri della difesa e uno dei migliori in assoluto, tanto che la sua assenza in un paio di match a metà stagione si era fatta pesare, è stato relegato a riserva e al suo posto ora gioca Paris Lenon. Stessa sorte capitata a Duke Ihenacho, rivelazione della prima parte di stagione, che ora ha lasciato il ruolo da titolare a Mike Adams, con Omar Bolden schierato da FS al posto di Rahim Moore infortunato. La coppia però non funziona, Bolden, un cb naturale adattato a safety, non sembra essere adatto a ricoprire il ruolo di titolare e spesso si trova fuori posizione. Quello che non si capisce è il significato di questi due cambi. Per Woodyard ci sono diverse ipotesi, forse si vuole preservare il giocatore in vista dei playoffs, dato l’infortunio subito in stagione. Quindi potrebbe essere un motivo fisico, ma qualcuno più malizioso ha insinuato che la scelta possa essere di tipo economico. Potrebbero esserci dei bonus nel contratto del linebacker che se raggiunti farebbero alzare il suo stipendio e i Broncos starebbero cercando di riparmiare su questo aspetto. Non sono riuscito a confermare questa voce, ma seppur triste, sembrerebbe plausibile. Lo stesso giocatore si è detto deluso dalla riduzione del suo impiego in campo e spera che le cose cambino in fretta. Per quanto riguarda Ihenacho invece, forse solo il problema degli infortuni passati darebbe la spiegazione del suo ridimensionamento. Da quando Moore è ai box, anche lui è calato nel rendimento e la coppia con Adams non sembra ben assortita, entrambi sono più strong safety. Questo giustificherebbe il tentativo di provare Bolden da free safety, anche se con risultati non buoni fino ad ora.

Situazione playoffs

Speriamo che questi dubbi che guardando i Broncos possono sorgere, non siano davvero presenti anche nel front office. Coach Fox e il suo staff avranno le idee più chiare e stanno approffittando di questo periodo per fare davvero alcuni “esperimenti” per migliorare la squadra in vista dei playoffs, almeno è quello che ci auguriamo. La corsa ai playoffs ha fortunatamente visto cadere anche i Patriots, contro Miami, e quindi lascia al primo posto i Broncos col record di 11-3. Record uguale anche per Kansas City ma visto lo svantaggio negli scontri diretti pone i Chiefs in questo momento al secondo posto in AFC West costringendoli alle wild card. Al secondo posto dunque ancora i Patriots con 10-4. Dietro poi i Colts e i Bengals con 9-5. I Broncos tra le prime tre sembrano avere il calendario più facile, anche se avranno due sfide in trasferta. La prossima contro la peggior squadra della NFL, i Texans, e poi a Oakland contro i Raiders. I Broncos sono ancora padroni del loro destino e con due vittorie avrebbero garantito l’accesso diretto al divisional con il fattore campo garantito per tutti i playoffs. Sperando che gli “esperimenti” difensivi non compromettano questo risultato.

MHC MVP – Andre Caldwell: 6 ricezioni per 59 yards e 2 TD

Share

Vinto, ma non convinto

Pomeriggio di sole al Mile High Stadium (ma non ditelo allo sponsor che ha messo davanti il suo nome) e i Denver Broncos si apprestano a triturare i Jacksonville Jaguars. Tra i pronostici della vigilia già si parla di record di punti da battere, di far riposare Manning per tutto il secondo tempo, di far giocare Holliday anche come ricevitore e tante altre belle invenzioni da chi si sente forte e padrone della NFL, tanto da snobbare completamente gli avversari e pensare di avere la strada spianata. Chi ha fatto un minimo di sport, anche solo correre dietro al gatto per casa, sa bene che partire con questa sicurezza che è già traboccata in sfacciatagine mista ad arroganza, è la cosa più pericolosa che possa accadere. Gli “upset” sono li a ricordarcelo e proprio in casa Broncos molti anni fa si ricordano ancora di quando i superfavoriti padroni di casa comandati da John Elway, dovettere lasciare lo scalpo proprio contri i quasi esordienti Jaguars in una wild card temp131013_Christus16--nfl_mezz_1280_1024dei playoff. Per fortuna John Fox è un vecchio lupo di mare e tutto può accadergli tranne farsi prendere dall’eccessivo entusiamo. Su questo si basavano le mie convinzioni che la squadra non avrebbe corso il pericolo di farsi sorprendere ma avrebbe giocato comunque concentrata. E’ successo esattamente questo per fortuna e la partita è sta affrontata al meglio, con un inizio ottimo in cui i primi due drive chiusi con altrettanti touchdown, mentre i Jaguars sembravano parecchio confusi e agitati al cospetto dei padroni di casa e strafavoriti. Sensazione confermata dall’orribile primo drive in cui hanno sbagliato tutto, da incomprensioni sulle chiamate dei giochi, ai drop e lanci nel nulla, fino a provare subito al primo drive una finta di punt che non ha portato da nessuna parte, salvo concedere l’eccellente posizione di campo ai Broncos al loro primo possesso. 14-3 il risultato e tutto tranquillo diciamo, se non chè  la luce in quel momento si è spenta e sono cominciati gli errori da parte dei Broncos. Forse la concentrazione ha retto troppo poco. Manning lancia il secondo intercetto dalla sua stagione che viene riportato in touchdown da un linebacker avversario dopo ben 59 yards di ritorno. L’attacco non funziona bene e si inceppa tanto che i 5 drive successivi ai due touch down iniziali portano a due punt e due turnover (l’intercetto appunto e un fumble su snap sbagliato tra Ramirez e Manning). I Jaguars non fanno grandi cose ma piano piano si riportano in partita e il primo tempo si chiude sul 14-12 per i Broncos.

Fischi all’intervallo

Qui succede qualcosa di quantomeno curioso. Dal pubblico arrivano fischi per i Broncos, gli spettatori sono evidentemente delusi da quello che stanno vedendo in campo e dal fatto che la partita sia ancora in equilibrio. Se la sensazione di insoddisfazione per il primo tempo può essere condivisa, onestamente arrivare a fischiare la squadra, comunque in vantaggio e con la partita in mano, lo trovo un comportamento sbagliato se non del tutto fuori luogo (fermo restando che chi paga il biglietto è libero di fare ciò che vuole) e che va analizzato. L’abitudine a vincere e vincere bene sicuramente affina il palato dello spettatore, ma non si può pretendere che in ogni partita l’esibizione sia da oscar. Manning e soci sono 5-0 in stagione, in cinque giornate si è battuto ogni sorta di record, ma alla prima mezza (ma anche meno di mezza) difficoltà arrivano i fischi. Qualcosa non mi torna. Solo due anni fa giocavamo con Tim Tebow che a ogni azione cercava di sopravvivere, se oggi si fischia, li cosa si sarebbe dovuto fare? La sensazione è che da questa squadra si pretenda sempre e comunque lo spettacolo migliore come se fosse scontato che si debba vincere in scioltezza. Certo le aspettative sono alte, tutti sappiamo che non arrivare al Super Bowl vorrebbe dire fallimento e che l’occasione migliore, visto anche quello che succede in AFC, è quest’anno e dall’anno prossimo con Manning 38enne potrebbe non essere più così. I pianeti sono allineati e tutto fa pensare che questo sia l’anno in cui cercare il successo, ma non per questo vuol dire che sia facile ottenerlo. I tifosi dovrebbero godersi lo spettacolo di altissimo livello che si è visto in queste partite ed essere sereni e fiduciosi e non pretendere il massacro dell’avversario più debole sulla carta come se fossa una corrida in cui è il torero a vincere per forza sulla vittima designata.

Moreno guida la NFL

temp131013_Bakke_22--nfl_mezz_1280_1024Nel secondo tempo, non credo stimolati dai fischi, ma piuttosto strigliati da Fox e dallo stesso Manning non per niente soddisfatto dell’andamento del match, le cose si sono sistemate e la partita è stata portata a casa senza grossi patemi. Certo non si è dilagato, si è giocato a football fino a due minuti dalla fine e non si è fatto riposare i titolari, anzi, ma questa è l’NFL e le partite vanno vinte alle fine dei 48 minuti, non sulla carta. Cosa che i Broncos ancora una volta hanno fatto, mettendo comunque 16 punti di scarto tra loro e i Jaguars e segnando ancora 35 punti in attacco. Protagonista della partita è stato ancora una volta il running back Knowshon Moreno, che sta inanellando prestazioni positive una dietro l’altra e ieri ha chiuso con 42 yards e ben 3 Td su corsa, oltre a 7 ricezioni per 62 yards. Numeri che arrivano grazie a belle giocate, dove grinta e caparbietà non mancano mai, insieme ad attenzione e sicurezza. Un Moreno così sicuro, continuo e concreto non si era mai visto a Denver e il gioco di corse inizia a essere una variante importante su cui contare durante le gare. Anche perchè è impensabile che Manning lanci sempre 500 yards. Ieri la sua partita infatti è stata solo “normale”, un normale che altri qb in NFL comunque vorrebbero cercare di replicare, e ha chiuso con 28/42 per 295 yards, 2 Td e 1 Int con un qb rating di 92.9

C’è Bailey e si vede, ma non abbastanza

L’attacco ha fatto il suo anche ieri, pur senza le scintille viste altre volte, ha portato a casa 5 TD. In difesa si è visto il rientro di Champ Bailey, dopo l’infortunio subito in training camp. Il suo esordio è stato positivo, la sua presenza da sicurezza al reparto e le secondarie, seppur restando sotto tiro e concedendo ancora 300 yards agli avversari, sono sembrate in lieve miglioramento rispetto alla trasferta di Dallas (non che si potesse fare peggio…). L’assenza grave che si è sentita è quella di Woodyard al centro della difesa. Il suo sostituto, Paris Lenon, non è al suo livello e si senta la mancanza della sua leadership in questo nuovo ruolo di MLB in cui stava risplendendo fino all’infortunio. Da domenica prossima tornerà anche Von Miller e può solo fare bene il suo rientro in squadra. Sperando che abbia lasciato perdere marijuana e problemi fuori dal campo, sul rettangolo verde abbiamo bisogno come il pane del suo apporto. Questo permetterebbe di spostare Irving al centro (o in panchina se rientra Woodyard) e di far ruotare di più i cacciatori di quarterback a nostra disposizione, visto anche il recente infortunio di Ayers, anche lui assente domenica. La linea difensiva continua a giocare bene, è la prima difesa contro le corse e il merito è anche il loro.

Malik Jackson si fa notare

temp131013_Taves0066--nfl_mezz_1280_1024Ieri si è distinto particolarmente proprio Jackson che già nelle prime cinque giornate, in maniera più o meno silenziosa, aveva portata un gran contributo. Era infatti il giocatore con più pressioni sul qb (non finite in sack, ma comunque fondamentali) di tutta la NFL. Ieri la sua caccia è stata proficua, tanto da regalare due sacks in pochi secondi, intervallati da un buonissimo tackle for loss a suggellare un drive dominato solo da lui che ha costretto al punt i Jaguars, in un momento chiave del match. Questa performance gli è valso il riconoscimento a fine gara di migliore in campo, decisione presa come sempre da John Fox, davvero non male. La sua crescita è importante e i Broncos hanno bisogno anche di lui e di tutti quelli che sono meno sotto la luce dei riflettori se vogliono continuare a vincere. Prestazioni importanti come quella di David Bruton, da sempre asso degli special teams (già un punt bloccato quest’anno) che ieri si è trovato protagonista di una bella giocata offensiva. Su un punt infatti i Broncos hanno fintato e consegnato lo snap direttamente nelle sue mani, che tra la sopresa generale dei Jaguars, ha corso per più di 30 yards consegnando il primo down ampissimo a Manning e all’attacco.

MHC MVP – Knowshon Moreno: 15 corse per 93 yards e 3 TD. 7 ricezioni per 62 yards

Share

I bambini vanno a letto presto

Lunedi sera, diretta nazionale, tante famiglie davanti alla tv, bambini che il giorno dopo devono andare a scuola, meglio non farli stare alzati troppo e chiudere presto il match. welkAvrà pensato questo Peyton Manning visto che è partito a razzo e già nel primo tempo ha messo la parola fine su questo Monday Night, terza partita stagionale. All’intervallo il risultato diceva 27-7 e nessuno avrebbe scommesso un centesimo sul rientro in partita dei Raiders. I Broncos questa volta non ripetono l’andamento delle due partite precedenti, dove l’equilibrio era stato spezzato solo dopo l’intervallo. L’inizio è col piede piantato sul gas e i touchdown arrivano presto. Non serve dire che l’attacco non sbaglia un colpo, Manning è il solito splendido leader che sembra davvero al top della sua già eccelsa carriera, con una maturità incredibile scannerizza la difesa avversaria e di volta in volta sceglia l’accoppiamento più favorevole o chiama il gioco che sfrutta il blitz avversario e trova libero il proprio ricevitore. I punti arrivano come logica conseguenza.

Record dopo record

32 passaggi completati su 37, 374 yards guadagnate e 3 passaggi da TD, senza intercetti, QB rating che arriva a 135.8 punti. Il nuovo record di giornata sono i 12 passaggi da touchdown lanciati da Manning nelle prime tre giornate di campionato, battendo il recordi di Tom Brady che si era fermato a 11. Sfiorato anche il record per numeri di punti segnati nei primi tre match, mancava solo un field goald ma non è arrivato, causa un fumble di Montee Ball nell’ultimo drive offensivo dei Broncos. Se Manning continua così i record battuti aumenteranno durante la stagione. A dare il loro contributo ci pensano tutti e tre i ricevitori, 10 ricezioni per D. Thomas, 8 per Decker e 7 per Welker con gli ultimi due autori anche di una segnatura a testa. I ricevitori questa volta partono subito concentrati e non sbagliano nulla, come sempre pescati ottimamente dal qb numero 18. La terza segnatura arriva ancora una volta dal TE Julius Thomas, meno cercato rispetto alle partite precedenti ma sempre positivo quando chiamato in causa.

Corri Denver Corri

Messa la partita in cassaforte all’intervallo, i Broncos trovano anche il tempo per provare nuove soluzioni offensive. Fa specie vedere come rientrano in campo dopo la pausa lunga, schierando tre tight end e il solo D. Thomas come ricevitore e puntando molto sulle corse. Un chiaro segno che era il caso di preparare e provare in partita nuovi schemi, non tanto per sorprendere la difesa dei Raiders, già abbastanza in difficoltà anche senza queste varianti, ma quanto per provare, in una settimana corta, soluzioni che probabilmente verrano usate contro gli Eagles la prossima settimana o comunque nel proseguio della stagione. L’anno scorso i Broncos furono eliminati dai playoff certamente per la sciagurata ultima giocata di Rahim Moore, ma anche perchè nel drive offensivo precedente non furono in grado di guadagnare quel primo down che avrebbe messo in ghiaccio il risultato, per colpa di un gioco di corse ridicolo. Questo non si deve ripetere e ogni momento è buono per provare a dimostrare che ora si può gestire anche un risultato correndo. Le prove dei tre running back schierati sono state discrete, Moreno (sempre titolare) corre per 39 yards, Hillman per 66 con un TD e anche Ball dice la sua con 61 yards ma purtroppo il secondo fumble consecutivo che gli costerà altre lavate di capo e qualche minuto in campo nei prossimi match. Pensare che Ball aveva commesso solo due fumble in tutta la stagione scorsa al college e ne ha già commessi due in due partite consecutive qui al piano di sopra.

Non solo attacco

ayerAttacco perfetto, passing game micidiale nel primo tempo e running game che addormenta il match nella ripresa. A quel reparto non si può chiedere di più. Ma il successo di questo inizio di stagione dei Broncos non sarebbe così grande se il tanto celebrato attacco non fosse supportato in maniera ottima dalla difesa, punto interrogativo ad inizio stagione che invece sta sorprendendo per solidità ed efficacia. Certo, non è ancora perfetta e di tanto in tanto si vedono ancora errori piuttosto gravi, come quando concede 73 yards di touchdown al ricevitore D. Moore grazie al brutto angolo di placcaggio di Ihenacho che si scontra con Dominique Rodgers-Cromartie, lasciando tutto il campo libero all’avversario. Errori singoli e individuali, sicuramente rimediabili con un po’ più di attenzione per cui non destano troppa preoccupazione. Il reparto c’è e al momento sembra solido. Quello che fa inoltre ben sperare è la difesa sulle corse, tallone d’achille delle passate stagioni. Ieri solo 9 (!) yards concesse a Darren McFadden sulle corse, giocatore che troppe volte negli anni scorsi si era rivelato un incubo per la difesa. Invece in questo momento si fa fatica a correre contro la linea dei Broncos, migliorata molto togliendo Dumervil e Miller, ottimi pass rusher ma che proprio contro le corse avevano il loro punto debole. Ayers e Wolfe, i due DE, sono molto meno spettacolari ma buoni in tutte le situazioni. Ayers poi impreziosisce il suo match anche con due sacks. I tre giovani linebacker Woodyard, Trevathan e Irving giocano con un furore agonistico che poche volte si era visto nel reparto, hanno una velocità e una mobilità eccellente e se qualcuno riesce a passare la pesante linea difensiva, arrivano a mille all’ora a farsi sentire. Lo sa bene il qb avversario Pryor che sul finale di match subisce un placcaggio devastante di Woodyard che lo costringe ad abbandonare il campo raccontando poi di non ricordare nulla dell’azione.

Carta, forbice e sasso!

hillQuando tutto va bene le cose possono anche essere divertenti. Quanto successo all’inzio dell’ultimo periodo lo testimonia. I Broncos sono in attacco e Hillman con una buona corsa arriva vicinissimo alla segnatura. Gli arbitri si prendono il tempo che serve per rivedere l’azione e decidere dove posizionare la palla, a circa 1 yard dall’endzone avversaria. HIllman è vicino alla panchina e confabula con i suoi compagni di reparto Moreno e Ball, che vogliono entrare per l’azione successiva e tentare la corsa da touchdown. Hillman non molla e la diatriba (molto amichevole) viene decisa a… carta forbice e sasso! Moreno gioca in anticipo e viene squalificato, restano Hillman e Ball. Il secondo gioca carta e Hillman lo batte mettendo forbice. Dunque è lui a guadagnarsi il diritto di correre l’azione successiva, diritto che viene sfruttato alla grande con la corsa da touchdown. Anche questa è l’NFL!

Game BallEric Decker 8 ricezioni per 133 yards e 1 TD.

UPDATE: John Fox ha dichiarato in conferenza stampa che Hillman è entrato per decisione del coaching staff, e non per il risultato della sfida a carta forbice e sasso. Poco male.

 

Share

Secondo match di preseason e prima sconfitta. Brutta sconfitta, non tanto per il punteggio 40-10 che poco importa in questo periodo dell’anno, ma per le note negative che sono uscite analizzando il match.

Prima di tutto gli infortuni, da tenere lontano come la peste, sono invece arrivati in massa. Il più grave a Champ Bailey, distorsione alla caviglia e parecchie giornate out all’orizzonte. Problemi anche per Wes Welker e Orlando Vasquez, anche se per loro il recupero sembra più veloce. Da spavento l’incidente accaduto a Derek Wolfe, rimasto a terra immobile dopo un brutto colpo al collo e portato via, immobilizzato, in barella, con tutti i presagi che fosse accaduto qualcosa di davvero pericoloso. Invece fortunatamente esami positivi, nessuna frattura alle vertebre e un sospiro di sollievo. Di certo lo rivedremo in campo anche se non si sa ancora quando.

Altri piccoli acciachi al linebacker Bradley, al centro Lilja e al ricevitore Orton, tutti da valurare nei prossimi giorni.

Detto di questi infortuni, sicuramente la nota peggiore del match, passiamo ad analizzare le prestazioni dei giocatori, coi titolari impiegati per i primi due quarti della partita.

L’attacco non si muove male, soprattutto sui passaggi Manning pare già in forma e i suoi ricevitori lo aiutano a dovere. Ottime le ricezioni di D. Thomas, di Wes Welker, che trova anche il primo touchdown della sua avventura a Denver e del TE Julius Thomas, anche oggi autore di una prestazione maiuscola, rovinata però da un sanguinoso fumble dopo un lungo guadagno.

Sanguinoso, ma sembre meno grave del fumble commesso dal running back Ronnie Hillman proprio pochi millimetri prima della linea di meta, che viene recuperato dalla difesa di casa e riportato per ben 107 yards in TD. Davvero una disdetta. Hillman che già prima del fumble aveva lasciato parecchio perplessi per la sua poca efficacia. Come lui anche gli altri rb di giornata (fuori CJ Johnson e K. Moreno per infortunio) non lasciano buone impressioni, fatichiamo sempre troppo a chiudere i down se si sceglie di correre e sono poche le yards guadagnate ad ogni corsa tentata. Forse un pizzico meno grigia la prestazione di Montee Ball che sembra cominciare ad inserirsi un po’ nell’attacco dei Broncos. Certo è che se non si migliora, la situazione non è per niente rosea in questo ruolo.

La linea offensiva non mi è piaciuta, soprattutto sulle corse non riesce mai ad aprire spazi importanti e i blocchi non sono mai determinanti. Sui passaggi va un po’ meglio anche se Ramirez come centro e lo stesso Lilja non convincono per niente. Si aspetta ancora il ritorno di Clady e si spera anche di Kuper, che servirebbe come il pane visto anche l’acciacco di Vasquez.

Nel secondo tempo con le riserve in campo qualche buona giocata per Brock Osweiler, che si muove bene fuori dalla tasca per sfuggire alla pressione e lancia anche bene quando è in movimento, ma non riesce ancora a trovare il TD che gli darebbe fiducia. Comunque avrà ancora tempo per fare pratica.

La difesa, che ben aveva fatto alla prima uscita, invece delude e parecchio. Spesso battutti i CB (soprattutto le riserve nel secondo tempo) e poca, pochissima pressione sul qb avversario. Von Miller non si vede mai, forse distratto dai problemi fuori dal campo, si parla di sei giornate di stop in arrivo per lui, e il resto della linea non mette mai in difficoltà l’attacco avversario.

Si fatica sempre tanto contro le corse centrali, dove si vedono buchi troppo grandi e anche sui passaggi il centro è terra di nessuno. Non convincente Bradley come MLB, da rivedere Irving e note positive solo da Trevathan nel secondo tempo. Se a questo ci aggiungiamo che Miller verrà squalificato e difficilmente Wolfe e Bailey saranno pronti per la regular season, la situazione si fa davvero complicata.

Bene ancora Trindon Holliday, davvero un return man efficacie e di sicuro affidamento, come sempre lo stesso giudizio vale per Colquitt e Prater.

Insomma, c’è molto ancora da lavorare, la prossima sfida coi titolare impiegati per tre quarti darà indicazioni ancora più precise.

Share

E’ cominiciata giovedi notte la stagione NFL con la prima partita di preseason. Buona per riprendere confidenza con il campo e per valutare quei giocatori che sembrano solo da training camp ma che potrebbero ritrovarsi tra circa tre settimane a far parte del roster.

Come sempre il risultato più importante è quello di evitare gli infortuni e quello che dice il tabellone a fine gara conta poco.

Di seguito alcune impressioni dopo aver visto il match:

Infortuni gravi evitati, come detto era l’obiettivo principale quindi bene cosi.

I titolari non giudicabili, solo una serie che si è chiusa con il punt per l’attacco. La difesa poco di più in campo ma non giudicabile.

Brock Osweiler gioca quasi tre quarti di match, sembra migliorato dallo scorso anno ma in ogni caso non porta la squadra a punti e non commette grossi errori. Dysert fa il suo esordio nel finale.

Hillman parte come running back titolare, gioca due serie e non lascia traccia. Montee Ball non fa meglio. Il migliore è stato CJ Anderson, ottime corse per lui (69 yards con 4.6 di media) ma contro le terze linee avversarie. Da rivedere nei prossimi match.

Tra i migliori il TE Julius Thomas, 4 ricezioni per lui e ottimi blocchi in azioni di corsa. Sfrutta al meglio il tempo che Fox lo lascia in campo. Sembra finalmente pronto a prendersi un posto a roster visti anche i recenti infortuni di Dreesen e Tamme.

La linea offensiva non convince. Poco tempo per il quarterback e poi la protezione collassa. I buchi per i running back sono pochi, soprattutto al centro. Speriamo le cose migliorino.

L’attacco sembra molto simile a quello dell’anno scorso, con Manning il gioco sui passaggi la farà da padrone. Manca ancora il running back trattore che possa guadagnare il down sui terzi e corto. Ma c’è tempo ancora.

La difesa va sicuramente meglio, 4 turnover a favore (2 fumble recuperati e 2 intercetti), l’unico TD della partita su fumble riportato in meta dal nuovo arrivato S. Phillips.

Ottima la prova della safety Ihenacho, già sorpresa del training camp, che parte titolare con Rahim Moore. Buoni tackle e sempre vicino alla zona della palla, davvero non male.

Discreto anche Omar Bolden tra i CB.

Altro giocatore in evidenza è Nate Irving, che gioca come SLB tra le riserve ed è autore di buonissime giocate.

Holliday è già in forma, un bel kick return di 44 yards. Colquitt e Prater le solite certezze.

Share

Era la partita decisiva per la vittoria in division, e i Broncos non si sono lasciati scappare l’occasione. Allo Sports Authority Field at Mile High va in scena il rematch di quello che poche settimane fa ha segnato il punto di svolta della stagione. La grande rimonta nel secondo tempo contro i Chargers ha dato il via a una serie di vittorie convincenti per i Broncos che non volevano certo ricambiare il favore ai rivali di division.

La partita è stata dominata nella prima parte di gara dalla difesa dei Broncos, che ha lasciato qualcosa come 55 yards di total offense in tutto il primo tempo ai Chargers, incapaci di orchestrare un drive degno di questo, con le corse stoppate subito dalla linea e dai linebacker, e i passaggi di Rivers buoni per gli addetti a bordocampo con il ricevitore più vicino a 5 metri di distanza. Difficile vedere una pochezza offensiva così evidente da parte dei Chargers degli ultimi anni, solitamente capaci di mettere in grave difficoltà i Broncos con la coppia Rivers-Gates. Read on »

Share