Posts Tagged ‘Matt Willis’

Incredibile. O forse dobbiamo cominciare a crederci davvero?

Sesta vittoria di fila, record ora di 8-5, primo posto nella division in solitaria, complice la disfatta dei Raiders (prevedibile) contro i campioni dei Green Bay Packers.

Certo, alla vigilia non era così impensabile credere in una vittoria dei Broncos, reduci da un’ottima striscia positiva e con Chicago incerottata (fuori Cutler e Forte) le speranze c’erano. A fare paura era la forte difesa dei Bears, più che l’attacco.

E proprio la difesa dei Bears è quella che ha dato problemi ai Broncos. In grado di fermare bene le corse, anche grazie alla non buona condizione fisica di Willis McGahee, hanno costretto l’attacco in divisa blu a un punt dietro l’altro. Come ormai sempre accade l’attacco ci mette molto a carburare. I giochi chiamati sono sempre prevedibili, corse sui primi due down e passaggio al terzo, con le difese avversarie che ormai hanno capito la mossa non faticano a contenere.

Se poi ci si mettono anche i ricevitori, ieri almeno 5 drop clamorosi tra Decker e Thomas, a rovinare i tutto sommato buoni passaggi di Tim Tebow, è chiaro che l’attacco non ha possibilità di fare nulla contro difese forti come quella di Chicago.

La nota positiva è che anche la difesa dei Broncos è in ottima condizione, non fatica a limitare un attacco, quello dei Bears, che oltre al running back Marion Barber ha poco da offrire. Il qb Caleb Hanie che sostituisce l’infortunato Cutler fatica a orchestrare drive interessanti e si assiste alla fiera dei punt per tutto il primo tempo (cinque per Chicago e tre i Broncos). Il risultato è un deprimente 0-0 calcistico a metà partita. Read on »

Share

Il reparto dei ricevitori a inizio stagione era considerato un punto fermo, uno di quei reparti in cui i Broncos erano davvero coperti. Il problema è che quando hai tanti buoni ricevitori, serve un quarterback capace di servirli per sfruttare al meglio la loro potenzialità. E sia Orton prima per scarso rendimento, sia Tebow per modo di giocare, non sono quel tipo di quarterback. Questo ha portato a qualche malumore nel reparto, con la stella Brandon Lloyd che ha richiesto la trade ed è stato accontentato passando ai Rams a metà stagione. Anche Eddie Royal pareva scontento e alcune voci suggerivano che anche lui avesse chieso la cessione, ma è stato lui stesso a smentire quando il periodo delle trade è terminato. Chi invece sembra molto contento di giocare coi Broncos è Eric Decker, che sta dimostrandosi un ottimo giocatore e sta vivendo la sua esplosione già al secondo anno di NFL. Vediamo dunque uno per uno i WR in roster.

Eric Decker

Partito subito forte nelle prime partite, è diventato il vero “go to guy” e sta dimostrando partita dopo partita tutto il suo valore. Ricevitore di fisico, abile bloccatore, non è un fulmine come velocità ma riesce comunque a separarsi bene dai suoi marcatori anche sul profondo. Ha ricevuto palloni di tutti i tipi, in mezzo al traffico, sul lungo, su screen pass e ha dimostrato anche buone abilità nel guadagnare yards dopo la ricezione. 6 touchdown per lui su ricezione, con la ciliegina sulla torta di un touchdown anche su punt return. Davvero ottimo fino ad ora.

Statistiche: 33 ric per 406 yards (12.3 ypr) e 6 TD. 1 TD su punt return.

Voto 8: ottima prima parte di stagione, è ormai il vero punto di riferimento per Tim Tebow.

Eddie Royal

Stagione altalenante, come tutte tranne quella d’esordio, nella sua fin qui breve carriera in NFL. Lascia sempre intuire grosse potenzialità, è veloce, elusivo, ha buone mani. Ma spesso si eclissa e sparisce completamente dal match. Non si capisce se manca la capacità di liberarsi dal marcatore, o se è troppo piccolo per dare fiducia al quarterback. Fatto è che non è mail realmente esploso. Provato sull’esterno o nello slot, ha sempre dato risultati altalenanti. Solo 14 ricezioni in stagione. Sarà free agent a fine stagione e c’è la possibilità anche che lasci i Broncos, sopratutto se col cambio di quarterback non aumenterà il suo coinvolgimento. Anche per lui un punt return spettacolare ritornato in touch down.

Statistiche: 14 ric per 131 yards (9.4 ypr) e 1 TD. 1 TD su punt return.

Voto 5.5: deve essere più presente e più incisivo, visto che le qualità non gli mancano

Matt Willis

Oltre a Royal e Decker, per gli altri ricevitori c’è stato veramente pochissimo spazio. Matt Willis dopo un ottimo training camp si è guadagnato il posto nel roster, ma è stato utilizzato pochissimo durante i match. In quelle poche occasioni però ha fatto buone cose, totalizzando anche un discreto numero di yards. E’ sua inoltre la miglior media di yards guadagnate per ogni ricezione, 16.1. Con il cambio di attacco però, basato tutto sulle corse, anche le sue chance di mettersi in mostra per forza di cose si riducono. In ogni caso in prospettiva futura può essere tenuto in considerazione.

Statistiche: 8 ric per 129 yards (16.1 ypr) 1 TD.

Voto 6.5: quel poco che ha fatto lo ha fatto bene.

Demaryius Thomas

Prima scelta l’anno scorso, ha giocato pochissimo a causa degli infortuni che fino ad oggi ne hanno contraddistindo la breve carriera NFL. Anche per lui i discorsi sono tutti sul potenziale, di cui ancora però si è visto davvero poco. Nelle ultime due partite è tornato a disposizione e con la partenza di Brandon Lloyd dovrebbe avere più spazio. Nella sua partita di esordio si è messo in luce con una bella ricezione in tuffo per il suo primo e unico touchdown stagionale. Speriamo che in futuro sia più fortunato con gli infortuni, perchè essendo una prima scelta da lui si pretende molto e su di lui bisogna per forza puntare.

Statistiche: 5 ric per 66 yards (13.2 yards), 1 TD.

Voto 6: Poche apparizioni ma sembra che possa lasciare il segno in futuro.

Quan Cosby è l’altro ricevitore a roster ma non ha mai ricevuto palloni, è stato utilizzato solo come ritornatore.

Share

Fino a poco più di 5 minuti dalla fine la partita era deprimente. Due delle squadre peggiori della lega avevano dato vita a uno spettacolo pessimo, con gli attacchi incapaci di costruire qualcosa di buono, non certo per merito di difese arcigne e spettacolari, ma semplicemente perchè privi di talento e di idee. Troppo brutto per essere vero.

Eppure si è arrivati a 5 minuti dal fischio finale con i Dolphins in vantaggio “solo” 15-0.

L’attacco dei Broncos fino a quel momento era stato inguardabile, tanto che all’inizio di quel drive, la mia prima preoccupazione era quella di realizzare almeno un field goal e puntavo solamente ad evitare lo shoutout, per non interrompere la striscia più lunga di tutta l’NFL di partite in cui si è realizzato punti (l’ultimo volta a secco nel 1992). Di certo non un grosso obiettivo. Read on »

Share

Era una partita da vincere.

Questa la sensazione che rimane quando il cronometro arriva a zero, domenica sul campo dei Titans. Rimane l’amaro in bocca per la buona possibilità buttata al vento, per quel vantaggio non mantenuto, per la partita non chiusa, per quel quarto e 1 sulla goal line non trasformato in touchdown.

I Broncos hanno giocato male, è doveroso dirlo. L’attacco è stato molto deludente, ma grazie ad una buona difesa, e alle ingenuità dei Titans – 10 penalità – la squadra di John Fox aveva la partita in pugno. Invece si torna a casa con la seconda sconfitta stagionale, con il morale basso e con molti punti di domanda.

La partita non era iniziata male, dopo un iniziale scambio di possessi senza troppi lampi, Denver sfrutta un ottimo ritorno su punt del nuovo arrivato Quan Cosby (30 yard) e si trova così a cominiciare il drive offensivo sulla linea di metà campo. Due penalità mortifere della difesa Titans portano i Broncos in red zone e dopo pochi giochi Kyle Orton trova uno smarcato Matt Willis sulla destra del campo, che riceve e porta palla in meta senza essere disturbato da nessun difensore portanto i Broncos sul 7-0.

La difesa tiene ma l’attacco fatica a trovare ritmo. Come settimana scorsa l’unico running back coinvolto è Willis McGahee, e su di lui pesa tutto il carico del gioche di corse. Questa volta però fatica a trovare gli spazi e i Broncos sono costretti a giocarsi molti terzi down. La linea offensiva pare meno brillante dell’ultima uscita e la difesa dei Titans non fatica a limitare il nostro sterile attacco.

Nonostante il rientro da titolare di Brandon Lloyd, evidentemente non ancora al meglio, Orton non prova quasi mai niente di rischioso e i lanci in verticale sono un miraggio. Il quarterback si limita a cercare sul corto o cortissimo i running back o il ricevitore più libero, guadagnando comunque pochissime yard. Read on »

Share